La Commissione e l’ impresa comune europea per il calcolo ad alte prestazioni (EuroHPC JU) si sono impegnate ad aprire e ampliare l’accesso alle risorse di supercalcolo di livello mondiale dell’UE per le start-up europee di intelligenza artificiale (IA), le PMI e la più ampia comunità di intelligenza artificiale nell’ambito di l’iniziativa dell’UE per le start-up nel campo dell’IA.

Per supportare l’ulteriore sviluppo e la scalabilità dei modelli di IA, è fondamentale l’accesso a supercomputer di livello mondiale che accelerano la formazione e i test dell’IA, riducendo i tempi di formazione da mesi o anni a poche settimane.

L’Unione europea è attualmente all’avanguardia nel supercalcolo a livello mondiale. Tre dei supercomputer dell’UE sono di livello mondiale – LEONARDO , LUMI e MareNostrum5 – grazie agli sforzi dell’impresa comune EuroHPC. Con l’imminente estensione delle capacità della EuroHPC JU alle prestazioni exascale e oltre, con i supercomputer exascale del consorzio JUPITER e JULES VERNE che saranno ancora più potenti nel lavorare con i modelli di intelligenza artificiale, le risorse di supercalcolo europee giocheranno un ruolo fondamentale nella creazione e nella formazione di vasti fondamenti Modelli di intelligenza artificiale.

Gli Stati partecipanti all’impresa comune EuroHPC, con il sostegno della Commissione europea, accelereranno gli sforzi di ricerca, sviluppo, dimostrazione e implementazione relativi all’infrastruttura europea di supercalcolo. Questo impegno mira a contribuire all’obiettivo generale dell’Unione di creare un ecosistema globale di intelligenza artificiale che sia affidabile e responsabile. In quanto tale, ciò significherà:

  • Lancio della grande sfida dell’intelligenza artificiale di grandi dimensioni
  • Apertura della capacità dei supercomputer europei
  • Attività e servizi migliorati

Maggiori informazioni